Barbra Streisand eletta MusiCares Person of the Year per il 2011
August 04, 2010, 10:08am

Barbra Streisand è stata eletta “MusiCares Person of the Year” per il 2011. Il titolo le è stato conferito dalla National Academy of Recording Arts & Sciences insieme alla MusiCares Foundation.

Barbra sarà premiata l’11 febbraio del prossimo anno durante un galà che si terrà a Los Angeles. Questa serata a scopo benefico sarà una delle celebrazioni che precederanno la 53esima edizione dei Grammy Awards, prevista per il 13 febbraio.

Il premio MusiCares Person of the Year è giunto alla sua 21esima edizione: il galà comincerà con un ricevimento ed un’asta silenziosa, che offrirà una selezione di oggetti di lusso e di memorabilia appartenenti a varie celebrità. Seguiranno una cena e la consegna del premio, ed infine un concerto-tributo durante il quae si esibiranno numerose star.

La Recording Academy e la fondazione MusiCares hanno deciso di onorare Barbra Streisand per le sue doti artistiche ed il suo impegno filantropico. “Barbra Streisand è un’autentica donna del Rinascimento, una persona per la quale l’arte e la filantropia vanno mano nella mano” ha dichiarato Neil Portnow, CEO della Recording Academy e di MusiCares. “L’enorme talento, la passione e la devozione che porta nei suoi progetti creativi – cinematografici, televisivi e musicali – sono eguagliati dalla generosità e dall’impegno che dedica alle cause beneriche.”

Da parte sua, Barbra ha dichiarato: “Per me, essere in grado di creare è contemporaneamente un dono ed una rssponsabilità, ed ho visto in prima persona il potere della filantropia di rendere il mondo un luogo più sicuro, più sano e più pacifico”.

MusiCares è stata istituita dalla Recording Academy nel 1989, con l’obiettivo di aiutare coloro che operano nell’industria musicale e che attraversano momenti di difficoltà. I servizi di MusiCares coprono un ampio spettro di necessità finanziarie, mediche e personali. Tra le personalità elette “MusiCares Person of the Year” prima di Barbra, vi sono James Taylor ed Aretha Franklin.

Comments